Should I stay or should I go?

In natura, l’omeostasi è definita come la capacità degli organismi di mantenere l’equilibrio interno al variare delle condizioni esterne. Partendo da questo spunto e allargando la nostra prospettiva, potremmo affermare che ogni sistema (compreso l’essere umano) cerca di rispondere alle dinamiche dell’ambiente circostante con l’obiettivo di mantenersi stabile nel tempo, ovvero di rimanere nello stato in cui si trova.

In un certo senso, è come se ognuno di noi cercasse continuamente di fronteggiare il cambiamento annullando gli stimoli esterni per preservare il proprio “comfort”.

Cercando di visualizzare con un esempio pratico questo meccanismo, potremmo immaginarci un uomo seduto da solo su una panchina che si sta leggendo un libro in completo relax. All’arrivo di uno sconosciuto intenzionato a sedersi sulla stessa panchina, il primo uomo si sposterà leggermente (investendo una minima quota di energia) per mantenere un certo grado di privacy e continuare la propria lettura in serenità. All’arrivo di una terza persona, le circostanze della scena iniziale saranno talmente cambiate che il nostro lettore non potrà più spostarsi per perseguire il suo stato ideale, ma si troverà nelle condizioni di dover operare una scelta più importante: o rimanere seduto rinunciando alla propria idea di comfort, oppure investire dell’energia per alzarsi e cercare un’altra panchina.

Da questo possiamo capire la logica dei meccanismi di resistenza: se non vale la pena alzarsi per camminare, meglio trovar una piccola soluzione per adeguarsi e continuare a star fermi. Tale atteggiamento è volto al risparmio energetico e all’ottimizzazione delle risorse.

La naturale resistenza al cambiamento si manifesta ogni giorno attraverso risposte che tendono ad abbassare i toni e placare il momentaneo scompiglio causato dallo stimolo esterno, per mantenere lo status quo, l’equilibrio.

Perché non provi ad usare questa nuova tecnica? Si ma è complicata.

Anche in azienda, come nella vita privata, ci ritroviamo in questo scenario ogni qualvolta cerchiamo scuse per non alzarci, per non investire nel futuro, per non guardare al cambiamento con la speranza del miglioramento. In queste situazioni si configura spesso quello schema relazionale che Eric Berne definì, ironicamente, gioco del PNSM (Perché non…si, ma…);

Perché non investire in questo nuovo progetto? Si ma è costoso.

Alla fine del gioco, il massimo risultato di resistenza che si possa sperimentare è quando ci troviamo a dover esprimere (o ascoltare) la più triste delle constatazioni: tutto sommato come stiamo adesso non è poi così male.

Acquisire la giusta consapevolezza della prevedibilità di questi meccanismi di difesa, può aiutarci ogni giorno a vivere le nostre scelte con maggiore fiducia ed onestà. Scegliamo di poter scegliere. Scegliamo di alzarci e camminare.

Well, come on and let me know, should I stay or should I go?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nulla ci è dovuto: la più potente consapevolezza

In questo nuovo video voglio condividere alcune riflessioni su una scomoda verità, che al contempo però potrà rappresentare la base di una consapevolezza potente che spiana la strada verso un’autentica trasformazione interiore: NIENTE CI È …

Dalla logica dell’accumulo a quella della gratitudine

Con questo nuovo video voglio proporre una riflessione su uno dei passaggi più significativi del nostro percorso di crescita individuale: dalla logica dell’accumulo a quella della gratitudine. Vivere la gratitudine significa “accorgersi” del presente. Spesso, …

Quando non ci si senti liberi: libertà di volere e felicità

Oggi voglio condividere alcuni spunti di riflessione su uno dei più grandi concetti che tormentano lo sviluppo individuale dell’uomo: la libertà. Cosa significa per noi libertà? Libertà da cosa e, soprattutto, per cosa?

Vie di consapevolezza: il grande potere trascurato

Una riflessione su ciò che spesso viene trascurato, un’opportunità che rappresenta un potere nascosto. Nelle pratiche mutuate dalle tradizioni spirituali e religiose, si cela una verità psicologica legata alla consapevolezza che è di fondamentale importanza. …

Godere del reale nel qui e ora

Vivere il momento, l’eterno presente del qui e ora, attraverso la forza dirompente della natura che ci porta a godere appieno della realtà e a riscoprire nella fisicità la nostra esistenza.

La paura di rimanere da soli in silenzio

In questo nuovo video affronto una riflessione sulla capacità di rimanere in silenzio, da soli con se stessi. Si tratta di un aspetto molto importante dello sviluppo individuale e significativo del proprio stato di salute …

Ritornare a vivere pienamente riscoprendo la realtà

Accettare pienamente non significa farsi andar bene tutto acriticamente. Ma vivere in armonia e pienezza la nostra dimensione umana è possibile solo se si è in connessione profonda con la realtà. Se il rapporto con …

Non sei in guerra con la tua mente

Qualche parola forse utile a chiarire il ruolo della mente rispetto al nostro percorso di crescita e alle nostre dinamiche interiori. Spesso, le prime fasi di approccio a tali tematiche, sono contraddistinte da un particolare …

×

WhatsApp

Scrivi al +39 348 980 86 87:

×