Tra personal branding e mercificazione della persona

La sempre maggiore attenzione alla propria presenza digitale è causa o effetto delle attuali trasformazioni sociali nel mondo del lavoro? Si potrà ancora distinguere tra vita lavorativa e vita privata?

In un articolo dell’anno scorso pubblicato nel sito della BBC (How recruiters are stalking you on facebook), si discuteva sulle potenziali discriminazioni in cui le società di selezione avrebbero potuto incappare se, nei loro processi di recruitment, fossero stati utilizzati gli adv targetizzati di Facebook. A prescindere da questa pratica di promozione selettiva del lavoro, si conferma ancora una volta che oggi sempre più recruiters utilizzano i social networks per cogliere aspetti personali rilevanti nei profili dei candidati che andranno a valutare. Considerando questa tendenza e le continue sollecitazioni del mercato al personal branding, l’iniziale differenziazione commerciale tra social network dedicato alle relazioni “private” o affettive (per esempio Facebook), e social network per le relazioni professionali (es. Linkedin), sembra forse destinata ad assottigliarsi sempre più.

…l’ansia da visibilità e la dipendenza dai social sono (…) tra i principali mali psicologici dell’epoca digitale

Bauman, nel suo famoso saggio “Consumo dunque sono” (2007), metteva in evidenza come il nuovo mercato del lavoro stia spingendo tutti noi alla mercificazione della nostra persona, esortandoci sempre più ad esporci, a scoprirci, fin nei più intimi dettagli della nostra vita privata, allo scopo di risultare più interessanti, coinvolgere maggiormente il nostro pubblico ed aumentare le probabilità di essere notati. Nella sua lettura della società moderna, le persone

“sono lusingate, incitate o costrette a pubblicizzare una merce che sia attraente e desiderabile, a farlo con tutte le forze e ad usare tutti i mezzi di cui dispongono per accrescere il valore di mercato di ciò che vendono. E le merci che sono sollecitati a mettere sul mercato, pubblicizzare e vendere sono se stessi.”Bauman, 2007

In questo scenario prospettato dal noto sociologo polacco, l’ansia da visibilità e la dipendenza dai social sono, come spesso viene documentato da autorevoli ricercatori, tra i principali mali psicologici dell’epoca digitale. Da una parte, la percezione delle possibilità (lavorative e non) che la nostra realtà quotidiana ci offre è mediata e filtrata dalle interfacce digitali, ed il possesso individuale di un dispositivo connesso ad internet diventa l’obbligatorio canale d’accesso a questa rappresentazione virtuale della realtà; dall’altra, c’è il narcisismo, una peculiarità caratteriale che spesso viene associata alle tendenze individualistiche ed egocentriche della persona, che viene esaltato dalle dinamiche sociali ed economiche contemporanee, guidate nella loro realizzazione dalle stesse società private che artificialmente costruiscono il “mondo percepito” di cui sopra (Google, Facebook, Linkedin…ecc), e che sono le vere protagoniste della globalizzazione del pensiero.

Scrivere e riflettere su questi aspetti, proprio utilizzando un social network, è certamente un modo per mettersi in evidenza, ma credo anche per lanciare degli spunti, utili forse per cercare la propria autonomia intellettuale, per non essere travolti e subire la tecnologia, ma sforzarci costantemente a rimanere vigili e riuscire sempre a metterla al nostro servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nulla ci è dovuto: la più potente consapevolezza

In questo nuovo video voglio condividere alcune riflessioni su una scomoda verità, che al contempo però potrà rappresentare la base di una consapevolezza potente che spiana la strada verso un’autentica trasformazione interiore: NIENTE CI È …

Dalla logica dell’accumulo a quella della gratitudine

Con questo nuovo video voglio proporre una riflessione su uno dei passaggi più significativi del nostro percorso di crescita individuale: dalla logica dell’accumulo a quella della gratitudine. Vivere la gratitudine significa “accorgersi” del presente. Spesso, …

Quando non ci si senti liberi: libertà di volere e felicità

Oggi voglio condividere alcuni spunti di riflessione su uno dei più grandi concetti che tormentano lo sviluppo individuale dell’uomo: la libertà. Cosa significa per noi libertà? Libertà da cosa e, soprattutto, per cosa?

Vie di consapevolezza: il grande potere trascurato

Una riflessione su ciò che spesso viene trascurato, un’opportunità che rappresenta un potere nascosto. Nelle pratiche mutuate dalle tradizioni spirituali e religiose, si cela una verità psicologica legata alla consapevolezza che è di fondamentale importanza. …

Godere del reale nel qui e ora

Vivere il momento, l’eterno presente del qui e ora, attraverso la forza dirompente della natura che ci porta a godere appieno della realtà e a riscoprire nella fisicità la nostra esistenza.

Alla ricerca di un po’ di vita

Riflessioni di fine anno. Ultimo video del 2020 per delineare una panoramica dei principali riferimenti ai quali attingo, attraverso l’analisi di un aspetto caratterizzante delle maggiori inquietudini dell’uomo moderno.

La paura di rimanere da soli in silenzio

In questo nuovo video affronto una riflessione sulla capacità di rimanere in silenzio, da soli con se stessi. Si tratta di un aspetto molto importante dello sviluppo individuale e significativo del proprio stato di salute …

Ritornare a vivere pienamente riscoprendo la realtà

Accettare pienamente non significa farsi andar bene tutto acriticamente. Ma vivere in armonia e pienezza la nostra dimensione umana è possibile solo se si è in connessione profonda con la realtà. Se il rapporto con …

×

WhatsApp

Scrivi al +39 348 980 86 87:

×